Tag Archives: vino

Bianchi

 E’ Arrivato il caldo, io ne sono abbastanza felice.  Non sono felice quando vengo servito vini bianchi cattivi a temperature troppo basse per nascondere i loro difetti.  Si trovano molto bianchi Italiani a ottimi prezzi, per i seguenti suggerimenti ho provato a stare sotto i 20 euro.  Ho anche incluso dei bianchi toscani che trovo interessanti, di solito preferisco il nord Italia per i bianchi.

Caiarossa Bianco:  50% Viognier e 50% Chardonnay.   Coltivato con i principi della Biodinamica.

 Caiarossa non e’ tecnicamente in Maremma, giusto a nord del confine pero’ visto la qualita’ di tutti i    loro vini puo’ essere inclusa.

Ca’marcanda Vistamare:  Un blend di Vermentino, Viogner, Chardonnay e Sauvignon Blanc

Viognier:   Uva che regna nel Rodano dove produce dei ottimi vini sotto l’appellazione di Condrieu.  Hanno un che di frutta tropicale specialmente ananas che a me piace molto.  Vi suggerisco due vini dell’alta Maremma, penso che questa varieta’ funzioni bene in questa zona.

Vermentino Sada, Toscana:  Floreale con note tropicali, tondo e fresco con una buona mineralita’

Vermentino:  Uva bianca molto diffusa nella nostra peninsola specialmente in terreni costieri.  La Sardegna e Liguria producono degli otttimi prodotti.

Cantina Terlano, Alto Adige:  Un naso floreale con limone, corposo con ottima acidita’

Pinot Grigio: Molto popolare nel mercato Americano.  Ha note floreali, fruttate con una buona struttura.  Molto diffuso nel Friuli, Veneto e Alto Adige.

Attems, Venezia Giulia: Pompelmo rosa, albicocca, pera e un po’ affumicato.

Sauvignon Blanc:  Il Sauvignon puo’ essere fruttato o erbaceo.  Io preferisco quelli piu’ erbacei, quelli troppo fruttati mi danno l’idea di bere un bagno schiuma.

ImageImageImageImageImage

San Leonardo

 

All’ estero si parla molto di  regioni emergenti Italiane,  alcune  hanno i loro pregi e altre che non trovo per niente interessanti.  Secondo me il Nord ha un vero valore vinicolo, perche’ le sue tradizioni non hanno cambiato carattere durante le varie tendenze richieste dal mercato.

Bravi, perche’ finite  queste “mode” di gusto create nelle cantine e non nelle vigne, rimarranno vini che riflettono il loro territorio.  Uno di questi vini anche se prodotto da uve Borldolesi e’ San Leonardo.

Trovo che sia un vino fatto veramente bene, un vino con molta corposita’ con sapori di ogni genere: cioccolata amara, bacche di bosco, sapori florari e minerali, tutti integrati fra uno e l’altro in un modo spettacolare.  Anche se e’ decisivamente un vinone mantiene una eleganza notevole.

Many up-and-coming wine regions in Italy receive a lot of press. Some of them I find interesting, and some – in my usual grumpy manner – I dismiss rather quickly.

The north of Italy has maintained its wine personality and has kept on
making wine using traditional methods, not following trends dictated by market demand.  I applaud them for their courage and persistence, because when the fashions change and the current wine making trends go out of style, wines that reflect their terroir will remain standing tall.

Although made from Bordeaux varieties, San Leonardo is one of those wines that will remain.  It’s a very well made wine with a big body and a wide array of flavors.  Dark chocolate, wild berries, with floral and mineral flavors and a touch of spice, all intertwined in a spectacular manner.  Although a heavy wine, San Leonardo’s elegance is unquestionable.

Gli Eccessi del Capitano